Dario Peroni: il miglior risultato di sempre nel Porsche Club GT


Con tanti duelli sul filo di lana, in Toscana il penultimo round del monomarca tricolore dà spettacolo e incorona tra le 911 da corsa il padrone di casa Polverini nella DSW 991 Cup e lo svizzero Bertschinger nella Sparco 997 Cup. Sulle stradali importanti successi del barese D’Agosto jr. (Goodyear GT3 RS), del pratese Zumpano (Tubi Style GT3), del bergamasco Zanchi (Panta GT4) e del marchigiano Vesprini (Entry level / Historic). Assegnazione dei titoli in palio rimandata all’ultimo appuntamento del 5-6 novembre sul circuito in riva all’Adriatico

Non è bastato l’esaltante penultimo round al Mugello Circuit per assegnare i titoli 2022 del Porsche Club GT, approdato in Toscana con tanti testa a testa ai ferri corti e che quest’anno di fatto deciderà tutte le categorie in lizza nell’ultimo round in programma il 5-6 novembre a Misano Adriatico. Questo grazie ai risultati scaturiti e alle sorprese ed emozionanti sfide sul filo dei centesimi vissute al Mugello nel fine settimana in cui il monomarca tricolore protagonista nel weekend del Gruppo Peroni Race ha ridisegnato “a colpi di giri veloci” le classifiche e in alcuni casi anche gli equilibri fra i principali protagonisti, con alcune situazioni completamente ribaltate o rimesse in gioco. Sotto l’egida di ACI Sport e sempre organizzato dal Porsche Club Umbria, il quinto atto stagionale ha aperto la volata finale del Porsche Club GT 2022 con tutte le tre gare in programma trasmesse in diretta su MS Motor TV (Sky 229) e ha celebrato sul gradino più altro del podio i vincitori Daniele Polverini, che nella tappa di casa ha conquistato il successo nella DSW 991 Cup, lo svizzero Walo Bertschinger nella Sparco 997 Cup e fra le Porsche stradali il giovane pilota barese Ignazio D’Agosto in Goodyear GT3 RS, il pratese Davide Zumpano, altro driver di casa al Mugello, in Tubi Style GT3, il bergamasco Enrico Zanchi in Panta GT4 e il marchigiano Devid Vesprini in Entry level/Historic.

Nelle attese categorie “racing” , Daniele Polverini ha capitalizzato al meglio il round casalingo e ha dominato la classe “regina” DSW 991 Cup con protagoniste le attuali 911 GT3 Cup da pista. Grazie alla tripletta firmata al Mugello, con tanto di giro più veloce in gara 2 in 1’53”424, il forte pilota valdarnese è balzato al comando in campionato. Alle spalle di Polverini è stata davvero interessante la battaglia per il podio. Sul secondo gradino è salito il milanese Mattia Fiore, al miglior risultato personale nel Porsche Club GT nella categoria dove è all’esordio, così come il terzo posto finale lo è per il ligure Stefano Spinaci, seguito in scia da Marco Santanocita, quarto classificato e pure lui alla prima stagione tra le “Cup”. La top-5 è quindi completata dall’emiliano Alessandro Revello (per lui i primi punti stagionali alla seconda presenza).

In classe Sparco 997 Cup, con in azione le 911 GT3 Cup meno recenti, il Mugello segna la prima vittoria personale di Walo Bertschinger. Il primo inseguitore dell’attuale leader Emiliano Formaini ha massimizzato l’assenza del campione in carica per avvicinarlo in classifica. Lo svizzero è stato il più veloce in tutti i tre turni, con tanto di “best lap” in 2’00”075, e ha preceduto Dario Peroni, il pilota bresciano protagonista di una brillante piazza d’onore con crono in continuo progresso. Per Peroni è il miglior risultato di sempre nel Porsche Club GT e il secondo podio dopo quello conquistato in casa al Porsche Experience Center Franciacorta in maggio.

Fra le Porsche stradali, la Goodyear GT3 RS ha premiato per la seconda volta consecutivo Ignazio D’Agosto. Il giovane e veloce pilota barese si è imposto sulla “992 GT3”, modello da quest’anno inserito nella categoria equiparato alle 911 GT3 RS (modello “991”), ripetendo la vittoria di Vallelunga e con il miglior giro in 1’58”875. Interessanti le sfide per il terzo posto: la spunta il ligure Edoardo Della Rocca, che regola il pilota sardo Antonello Medde e a seguire il driver romano Antonello Grossi.

Oltre a Polverini, un altro pilota toscano festeggia nel migliore dei modi il round di casa: Davide Zumpano. Il pratese campione in carica della Tubi Style GT3 ha fatto sua la categoria delle 911 GT3 guadagnando anche i punti aggiuntivi del giro più veloce (2’03”719). Il successo al Mugello consente a Zumpano di allungare leggermente in classifica sul sempre insidioso Alfredo Franceschi. Il pilota bolognese, alla stagione d’esordio nel Porsche Club GT, era riuscito a imporsi in gara 2, cedendo poi il passo al rivale e salendo comunque sul secondo gradino del podio con ancora la possibilità di giocarsi il titolo a Misano. Ravvicinata anche la sfida per la medaglia di bronzo, andata al fotofinish al rientrante brianzolo Enrico Di Leo sul torinese Andrea Ruscica, mentre Gianluca Preziosa completa la top-5.

Rientro con vittoria tra le Cayman della Panta GT4 per Enrico Zanchi. Assente a Vallelunga, il pilota bergamasco è tornato a insidiare il capoclassifica bolognese e vicecampione 2021 Vincenzo Formato, secondo al Mugello. Per Zanchi è arrivato anche il giro più veloce in 2’06”626 e fra i due la resa dei conti è attesa a Misano. Devid Vesprini ha invece allungato le mani sulla corona della Entry Level/Historic. Il pilota marchigiano ha vinto al Mugello sulla “997 S” con miglior giro in 2’14”378 e ha preceduto in rimonta sul podio l’emiliano Claudio Corradi (vincitore di gara 1 su Cayman GTS) e il bresciano Walter Wuhrer, (911 SC 3.0 Gruppo 4).

Il format del Porsche Club GT prevede 5 turni da 25 minuti, due di prova sabato e tre di gara domenica. La classifica di ogni categoria scaturisce dalla somma dei due migliori tempi di gara e 2 punti ulteriori premiano il giro più veloce. L’ultimo round stagionale si disputa al Misano World Circuit il 5-6 novembre.

12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti